Come installare Google Analytics su WordPress

Come aggiungere Google Analytics su WordPress

Google Analytics è sicuramente uno degli strumenti principali da installare nel proprio sito WordPress per capire chi sta visitando il sito, da dove proviene, e a quali pagine è interessato.

Esistono svariati modi per installarlo sul proprio sito WordPress, oggi ne vedremo un paio e vedremo anche quali sono le pratiche sbagliate da non fare quando si vuole inserire Google Analytics o qualsiasi altro codice di monitoraggio.

Vuoi vendere i tuoi corsi online? Teachable è la piattaforma che ti consente di creare e vendere corsi sul web, scopri tutta la sua potenza.

A cosa serve Google Analytics

Partiamo dall’inizio, cosa significa installare Google Analytics su WordPress? La risposta è molto semplice: significa dare al nostro account di Google Analytics il “permesso” di prendere nota di tutti i visitatori all’interno del nostro sito web e di mostrarli all’interno di un apposito pannello, affinché possano essere letti e consultati dal webmaster.

Ciò avviene tramite l’inserimento di un codice Javascript all’interno del nostro sito web. Una volta inserito questo codice, Google Analytics inizierà a tracciare gli utenti che navigano nel sito, e tutti i dati potranno essere consultabili.

Il vantaggio di avere queste informazioni sta nel fatto che potremo vedere quali sono le pagine che attraggono di più i nostri utenti, quanto tempo trascorrono all’interno di essa, da dove provengono (link da altri siti, ricerche tramite motori di ricerca, tramite social, ecc…).

Come creare un account Google Analytics

Per creare un account Google Analytics è sufficiente avere un account Google (in caso contrario sarà possibile crearlo gratuitamente) e andare nella pagina ufficiale di Google Analytics.

Dalla pagina di amministrazione di Google Analytics, facciamo click sul tasto “Crea Account” che ci permetterà di impostare un nuovo account di monitoraggio.

Creazione di un account su Google Analytics
Creazione di un account su Google Analytics

Diamo un nome al nostro account e clicchiamo su “Successivo” nella parte bassa della pagina. A questo punto ci verrà chiesto cosa vogliamo monitorare, e potremo scegliere tra:

  1. Web: Se vogliamo monitorare pagine web (come nel nostro caso con WordPress);
  2. Applicazioni: Se vogliamo monitorare gli accessi della nostra applicazione iOS o Android;
  3. App e Web: se vogliamo monitorare entrambe le cose, ossia gli accessi al nostro sito web e gli accessi su una eventuale applicazione per smartphone.

Nel nostro caso utilizzeremo l’opzione “Web” dato che vogliamo monitorare gli accessi di un sito internet creato con WordPress.

Scegliere cosa monitorare con Google Analytics
Scegliere cosa monitorare con Google Analytics

Una volta effettuata la scelta, facciamo click sul tasto “Successivo” in basso alla pagina e finalmente arriveremo all’ultima schermata, quella in cui ci verrò chiesto l’indirizzo del sito internet che vogliamo monitorare.

Oltre all’indirizzo del sito web, dovremo indicare il nome del sito, la categoria di appartenenza, e scegliere il fuso orario.
Una volta che tutti questi dati saranno stati inseriti correttamente, potremo fare click sul tasto “Crea“.

Dettagli proprietà di Google Analytics
Dettagli proprietà di Google Analytics

Terminato questo passaggio, sarà sufficiente accettare i termini e condizioni di Google Analytics e, finalmente, si aprirà la pagina relativa al codice di monitoraggio.

Il codice di monitoraggio, come accennato precedentemente, sono una decina di righe di codice Javascript che dovranno essere incollate all’interno del nostro sito web affinché Google Analytics possa collezionare le informazioni sui visitatori.

Codice di monitoraggio di Google Analytics
Codice di monitoraggio di Google Analytics

Bene, il nostro account di Google Analytics è stato creato correttamente. Potrai accedere all’interno del sito di Analytics per consultare tutti i dati che verranno raccolti per il monitoraggio una volta che il codice sarà stato correttamente installato sul sito.

Come installare Google Analytics

Come detto precedentemente, esistono vari modi per aggiungere Google Analytics su WordPress in maniera corretta, in questo articolo vedremo quali sono quelli più facili e veloci.

L’unico requisito necessario, è avere a portata di mano il codice di monitoraggio del nostro account Google Analytics.

Installare Google Analytics su WordPress tramite plugin

Nella directory ufficiale dei plugin di WordPress, sono disponibili decine e decine di plugin per installare Google Analytics. La particolarità di questi plugin sta nel fatto che non solo ci permettono di attivare il monitoraggio, ma ci permettono anche di consultare tutti i dati direttamente dal nostro pannello di WordPress, senza dover necessariamente entrare nel nostro account personale di Google Analytics.

In questo articolo non vedremo questo genere di plugin, ci occuperemo solo di installare il codice di monitoraggio di Google Analytics e successivamente consultare i dati dal nostro account nel sito ufficiale di Analytics stesso.

Noi di WP Special consigliamo di utilizzare questo approccio per evitare di riempire eccessivamente il database del nostro sito WordPress di dati che potrebbero tranquillamente essere consultati esternamente. In questo modo avremo un sito WordPress più leggero e performante.

Ovviamente nulla vieta di utilizzare plugin atti alla consultazione dei dati di Google Analytics direttamente dal pannello di WordPress. Sono sicuramente validi e comodi, la scelta dipende dalle nostre esigenze.

Per incollare il codice di Google Analytics nel nostro sito WordPress è possibile utilizzare il plugin chiamato Header and Footer Scripts, si tratta di un plugin gratuito che permette di inserire velocemente del codice CSS o Javascript all’interno dell’header o del footer di WordPress.

Procediamo installando il plugin sul nostro sito WordPress, attiviamolo e poi andiamo su “Strumenti-> Header and Footer Scripts” per poter entrare nelle impostazioni del plugin.

Le impostazioni sono molto semplici, avremo a disposizione due blocchi: uno per inserire del codice nell’header del sito, e l’altro per inserire del codice nel footer.

Nel nostro caso dovremo incollare il codice di monitoraggio di Google Analytics nell’header del sito, quindi utilizzeremo il primo blocco messo a disposizione.

Installare Google Analytics con il plugin Header and Footer Scripts
Installare Google Analytics con il plugin Header and Footer Scripts

Una volta incollato il codice sarà sufficiente salvare la pagina e stop. Avremo installato il codice di monitoraggio di Google Analytics su WordPress.

Per capire se il tracciamento sta funzionando correttamente dovremo entrare nel nostro account di Google Analytics dal sito ufficiale e vedere se iniziano a vedersi i primi dati di accesso.

Installare Google Analytics su WordPress tramite child theme

Un altro metodo, altrettanto semplice, per installare Google Analytics senza l’utilizzo di un plugin esterno, è quello di utilizzare il child theme (o tema figlio).

Se, nel tuo sito WordPress, fai già uso di un child theme, il processo sarà molto semplice e non richiederà troppo tempo.
In caso contrario, se non sai cos’è un child theme o non lo utilizzi e vorresti iniziare a farlo, leggi la nostra guida su come creare un child theme per WordPress.

Ipotizziamo quindi che tu abbia un child theme, per installare il codice di monitoraggio di Google Analytics sarà sufficiente aprire e modificare il file “functions.php” del child theme e incollare questo codice PHP:

function wpspecial_google_analytics() {
	?>
	<!-- Inserisci qui il codice di monitoraggio -->
	<?php
}
add_action('wp_head', 'wpspecial_google_analytics');

Una volta incollato il codice in alto, dovremo sostituire la frase “<!– Inserisci qui il codice di monitoraggio –>” con il codice Javascript fornito dal nostro account di Google Analytics.

Se avremo fatto tutto correttamente, il codice di Google Analytics sarà installato sul nostro WordPress e potremo visualizzare i dati direttamente dalla pagina del nostro account su Analytics.

Piccola nota: questo metodo può essere utilizzato per la maggior parte dei codici di monitoraggio. Il procedimento è pressoché identico e saremo in grado di installare il codice di monitoraggio di Facebook Pixel e tanti altri strumenti di questo genere.

Come NON installare Google Analytics su WordPress

Qualche paragrafo dedicato anche a come NON installare Google Analytics su WordPress; dato che, in giro per il web, si trovano delle guide un po’ datate che talvolta possono fornire dei consigli sbagliati.

Se decidiamo di installare il codice di monitoraggio manualmente, quindi senza utilizzare un plugin, non dobbiamo incollare il codice di Google Analytics direttamente nei template del tema.

Questo processo va fatto utilizzando il child theme (come spiegato precedentemente) e non il tema principale. In linea generale, i template del tema originale non devono mai essere modificati.

Il motivo è molto semplice: se modifichiamo i template del tema principale, al successivo aggiornamento del tema, tutte le nostre modifiche verranno perse e saremo costretti a re-inserirle tutte le volte.

Utilizzare un child theme è comodo anche per questo motivo, perché non viene aggiornato da nessuno (se non da noi stessi) e quindi saremo sicuri di non perdere i dati contenuti al suo interno.

Conclusioni

Abbiamo visto quanto sia semplice creare un account Google Analytics, abbiamo visto come installare il codice di monitoraggio di Google Analytics sia tramite plugin, che tramite child theme, e abbiamo anche visto come non installarlo onde evitare futuri problemi.

Ora la parola passa a te, come hai installato Google Analytics sul tuo WordPress? Hai utilizzato un plugin specifico oppure lo hai inserito manualmente? Scrivilo nei commenti 🙂

Con SiteGround puoi avere hosting ottimizzato per WordPress a partire da 3.95€ al mese. Approfitta ora di questa offerta!

Piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *